Biblioteca

 

 

Sostieni l'associazione

socio

 

socio

 

Rosario ha ospitato l'incontro nazionale dei Circoli dell'Argentina

 rosario1

Dopo tre giorni di relazioni, confronto e discussione, è arrivato il momento conclusivo di questo bell’incontro nazionale dei Circoli trentini dell’Argentina ma non finisce certo il lavoro che tutti siamo chiamati a svolgere per dare seguito alle indicazioni emerse: è con questa riflessione che il presidente della Trentini nel mondo, AlbertoTafner, ha voluto salutare gli oltre cento partecipanti all’iniziativa che si è svolta a Rosario (Argentina) dal 17 al 19 novembre.
Nel corso dei lavori è stata ribadita la convinzione che i Circoli devono svolgere un ruolo di aggregazione ma essere anche un soggetto che promuove relazioni con le istituzioni locali e favorisce i loro rapporti con il Trentino e l’Italia. Una posizione che è stata pienamente condivisa dalla Trentini nel mondo, che a Rosario era rappresentata, oltre che dal presidente, dal vice presidente Armando Maistri e dal direttore Francesco Bocchetti.


L’incontro è stato il momento finale di un percorso iniziato l’anno scorso con le riunioni promosse dai Coordinatori dei Circoli trentini dell’Argentina (Alejandro Brovio, Oscar Menapace, Carlos Trentin e Rodolfo Veronesi) nelle zone di competenza, nelle quali era stato fatto il punto sulle attività svolte dai vari Circoli e sulle loro esigenze e richieste, per poter svolgere al meglio il loro ruolo.
All’incontro di Rosario hanno partecipato rappresentanti di 31 Circoli (in Argentina sono in totale 57) provenienti dalle province di Buenos Aires, Entre Rios, Cordoba, Santa Fe, Tucuman, Rio Negro, La Pampa, Chaco, nelle quali è concentrato il maggior numero di Circoli.
È stato un incontro che il presidente della Trentini nel mondo ha definito proficuo: «ci ha reso tutti più maturi e consapevoli della forza dei Circoli e dell’Associazione e delle loro potenzialità per essere sempre più protagonisti all’interno delle comunità di riferimento e nel promuovere e favorire contatti e scambi fra Argentina ed Italia» ha affermato nel suo discorso conclusivo.
Analogo giudizio positivo è stato espresso dal vice presidente dell’Associazione, Armando Maistri, che nel suo saluto finale ha espresso soddisfazione e apprezzamento per la grande presenza di giovani. Richiamando la figura di Enea che, come narra Virgilio nell’«Eneide» quando fuggì da Troia aveva sulle spalle il padre Anchise e per mano il figlio Ascanio, Maistri ha affermato che gli esiti dell’Incontro di Rosario vanno interpretati anche come un invito a proseguire e rafforzare il dialogo intergenerazionale, un elemento importante per dare una prospettiva di futuro ai Circoli e alla stessa Associazione.

 

 
rosario tgr
 

Nell'edizione delle 19.35 di lunedì 3 dicembre del TG Regionale

è andato in onda un servizio sull'Incontro di Rosario

 

 

 
 
 
 

Condividi questo articolo