banner contatto 2

Biblioteca

 

 

Sostieni l'associazione

 

 

socio

 

banner raccontateci

L’assemblea della Trentini nel mondo approva il bilancio consuntivo 2019 e il nuovo statuto

 

L’Associazione Trentini nel mondo diventerà un ETS, Ente del Terzo Settore: l’assemblea straordinaria che si è svolta nel pomeriggio di venerdì 9 ottobre presso la sala polivalente della Circoscrizione di Cognola ha infatti approvato il nuovo statuto, con il quale sono state recepite le indicazioni previste dalla riforma del cosiddetto Terzo Settore, che ha cancellato le Onlus, categoria nella quale rientrava l’associazione di via Malfatti. Come ha ricordato il presidente Alberto Tafner nel suo intervento, è dal 2016, quando è stato emanato il decreto legislativo relativo al Terzo Settore, che la Trentini nel mondo ha cominciato a studiare tutta la nuova regolamentazione per individuare la forma giuridica che meglio permettesse di mantenere la sua identità, preservando la sostanza dell’attività svolta, rivolta principalmente all’aiuto, alla solidarietà e alla reciproca collaborazione con gli emigranti trentini.

All’Assemblea hanno portato il saluto il neo eletto sindaco di Trento Franco Ianeselli e l’Assessore provinciale all’emigrazione Mattia Gottardi.

 

«I contenuti del nuovo Statuto – ha affermato Tafner - si presentano rinnovati nella forma e in parte anche nella sostanza ma i principi ed i valori sui quali l’Associazione agisce sono rimasti immutati».

 

4brmod

 Alberto Tafner, Presidente ATnM

e Francesco Bocchetti, Direttore ATnM

 Mattia Gottardi,

Assesore provinciale all'emigrazione

 Franco Ianeselli,

Sindaco di Trento

 Soci presenti

 

 

 

 

Il presidente ha ricordato che l’assemblea avrebbe dovuto svolgersi in primavera e che il rinvio è stato reso necessario dalle restrizioni messe in atto per far fronte alla pandemia di Covid-19, che ha rivoluzionato l’intera agenda 2020 dell’Associazione.

 

Ma nonostante questa situazione di difficoltà generalizzata, la Trentini nel Mondo ha comunque continuato a lavorare anche nei momenti più difficili: «lo ha fatto da casa quando gli Uffici sono rimasti chiusi per quasi due mesi così come è successo alla quasi totalità degli Uffici pubblici e privati, ed ha continuato a farlo quando a metà maggio si è potuto tornare ad operare in Sede, seppure con le limitazioni e tutte le precauzioni del caso» ha affermato Tafner.

 

Le difficoltà riscontrate nei mesi scorsi che hanno impedito di muoversi ed incontrarsi con le persone, hanno portato l’Associazione a sviluppare appieno l’utilizzo dei social e delle piattaforme telematiche in dotazione, per poter mantenere i contatti e continuare così a sviluppare ulteriormente ed in maniera organica la rete che collega i Circoli, i Soci e tutti i trentini residenti nelle varie parti del mondo.

 

 

«L’Associazione – ha affermato Tafner - riuscita a migliorare alcuni contatti strategici con i propri Coordinatori sul territorio che, a loro volta, hanno potuto organizzare tempi e modi di connessione con parecchi Circoli e numerosi Soci. Si sono potuti così svolgere numerosi meeting telematici, durante i quali si è discusso di vari argomenti, ci si è confrontati su problematiche di comune interesse, sono stati elaborati progetti comuni ed in pratica è stato disegnato assieme a tutti i trentini nel mondo un possibile futuro incentrato su una sempre più intensa collaborazione e ad un sempre più utile scambio di esperienze e conoscenze».

 

In chiusura del suo intervento, Tafner ha affermato che il 2021 potrebbe presentarsi come un anno di svolta per l’Associazione «che comincerà a raccogliere i frutti di analisi, preparazione e progetti sviluppati nel tempo». L’anno prossimo è ad esempio in calendario lo spostamento della Sede argentina dell’Associazione dal Chaco a Cordoba (la seconda città per importanza del Paese) che diventerà a tutti gli effetti logistici e pratici il centro nevralgico della Trentini nel Mondo per tutto il Sud America.

 

«La mappa della nostra presenza nel mondo – ha poi anticipato Tafner - sarà poi ulteriormente potenziata con l’apertura di una sede a New York che, secondo i progetti in avanzata fase di rifinitura, sarà in grado di coprire tutta l’area degli Stati Uniti».

 

Nel corso dei lavori l’assemblea ha approvato anche il bilancio consuntivo 2019.

1